L’impero del blues – Bessie Smith

1) Primo assioma di Euclide: “Cose uguali ad una stessa cosa sono uguali tra loro.”

2) Nel 1865 la guerra di successione è al suo IV° anno.

174-martin-scorsese-blues-4_medium

Cosa ha a che fare questo con la musica, con il rock e con la scienza?

Nel corso del XVIII e XIX secolo numerosi africani vengono importati in America per lavorare come schiavi nelle piantagioni del Sud; la loro musica si discosta molto dalla tradizione europea. Si tratta di una musica con cadenza ritmica molto regolare, basata su una scala pentatonica (ossia composta da cinque note) diversa da quella in uso in occidente.

vlcsnap-108879

Il blues trae origine dai canti con struttura antifonale (di chiamata e risposta) che gli schiavi sono soliti cantare durante il lavoro, avvalendosi dell’uso della blue note, una nota che l’armonia classica considera dissonante.

Non è possibile dare una datazione precisa alla nascita della musica blues.

Una delle prime descrizioni viene dall’articolo Notes on negro music nel Journal of American Folklore del 1903, scritto da Charles Peabody, un archeologo che scava i tumuli degli Indiani vicino Stovall. Peabody descrive così il canto dei lavoratori neri afroamericani, nelle piantagione del Sud:

fieldnc1“[…] i distici e le improvvisazioni nel ritmo più o meno divisi in frasi, cantati in un’intonazione più o meno somigliante alla melodia. Queste canzonette e coppie di versi erano entrambi espressione di una costante generale, attribuibile ai modi di fare, ai costumi ed ai fatti della vita del nero o ad un adattamento speciale improvvisato sullo stimolo del momento, riguardo ad un argomento in quel momento interessante”.

Tuttavia il canto degli schiavi afroamericani poco sarebbe contato se non si fosse inserito in un complessivo processo di mutamento sociale la cui tappa fondamentale è l’emanazione, nel 1865,  del XIII° emendamento, fortemento voluto da Abraham Lincoln che dichiara la schiavitù fuori legge.

Così scrive Booker T. Washington:

imagesCA204NOD“Man mano che il gran giorno si avvicinava, negli alloggi degli schiavi si sentiva cantare più gente del solito. Era un canto più baldanzoso, più alto e proseguiva nella notte fino ad ore più tarde. La maggior parte dei versi delle canzoni della piantagione si riferisce in qualche modo alla libertà…. Un uomo forestiero all’aspetto (suppongo un funzionario degli Stati Uniti) tenne un breve discorso e quindi lesse un documento piuttosto lungo, credo il Proclama di emancipazione. Dopo la lettura ci fu detto che eravamo tutti liberi e potevamo andare dove volevamo e quando volevamo. Mia madre, che era in piedi al mio fianco, si chinò su noi bambini e ci baciò, mentre lacrime di gioia le solcavano le guance. Ci spiegò cosa significava quanto era successo, ovvero che questo era il giorno per cui aveva pregato così a lungo,  temendo di non riuscire a vivere abbastanza per vederlo.” (B.T.Washington, Up from slavery, 2012, pg.19-20)

E’ solo allora che i neri afroamericani portano la musica fuori dalle piantagioni contaminando la cultura occidentale: gli ex- schiavi musicisti iniziano a portare la loro musica fuori dalle piantagioni e si sviluppano i juke joint, luoghi in cui i neri si trovano per ascoltare musica  e ballare dopo la giornata di lavoro.

2314933385_f5e9c5d2f6

La musica afroamericana basata della scala pentatonica viene allora ristrutturata utilizzando quella occidentale: la scala blues diventa Do, Mib, Fa, Solb, Sol, Sib, Do; sebbene questa perda alcune note della scala diatonica, conserva quelle che vengono chiamate le blue note,  note non riproducibili nella scala europea.

I pianisti del Novecento, davanti alla difficoltà di non poter riprodurre con un singolo tasto la ricercata nota, rispondono con l’ingegno di darne l’idea suonando insieme o una dopo l’altra il Mi e il Mi bemolle e ottenendo quell’ effetto dissonante tipico dei canti africani.Immagine

Dissonante a tal punto da definire un intero genere: il termine Blue (che deriva dall’espressione “to have the blue devil”nel senso di essere triste) è infatti connesso al senso di nostalgia e tristezza tipico della musica afroamericana per come viene percepita all’orecchio di uditori europei abituati ad altri suoni.

Il blues nasce in tal senso da un limite fisico della musica occidentale e sappiamo quanto questa spaccatura sia stata fertile: dal blues prenderanno vita il jazz, il rhythm blues, il rock’n’roll e la musica pop.

Dal punto di vista sociale il blues dà un’identità alla popolazione afroamericana legittimando la loro presenza, anche se con notevole lentezza, nel panorama culturale statunitense.

Non solo, il blues garantisce un ruolo di tutto rispetto alle donne che diventano le vere e inaspettate (agli inizi del ‘900 solo in Nuova Zelanda le donne avevano diritto di voto) protagoniste della musica degli anni ’20 e ’30.

Stiamo parlando di Mamie smith, Ma Rainey, Victoria Spivey   e dell’imperatrice del blues: Bessie Smith 

77762835521201mamie_smith-complete_works_vol_1bessie-smith

Piccola curiosità: Nodoby Knows You When You’re Down and Out (realizzata precedentemente da altri muscisti e cantanti), una delle più celebri canzoni dell’artista viene reincisa da Bessie Smith il 15 maggio 1929 e viene pubblicata  venerdì 13 settembre, poco prima del crollo di Wall Steet (Martedì nero: 29 ottobre 1929). Il testo della canzone sembre una sinistra profezia…

Once I lived the life of a millionaire,
spendin’ my money I didn’t care
I carried my friends out for a good time,
buying bootleg liquor, champagne and wine

When I begin to fall so low,
I didn’t have a friend and no place to go
So if I ever get my hand on a dollar again,
I’m gonna hold on to it ‘til them eagle’s grin

Nobody knows you,
when you down and out
In my pocket not one penny,
and my friends I haven’t any…

But if I ever get on my feet again
Then I’ll meet my long lost friend
It’s mighty strange without a doubt
Nobody knows you when you’re down and out
I mean when you’re down and out

When you’re down and out, not one penny
And my friends, I haven’t any and I felt so low
Nobody wants me ‘round their door

Without a doubt
No man can use you when you’re down and out
I mean when you’re down and out

***

Un tempo facevo la bella vita del milionario
Spendevo tutto quel che avevo, non ci badavo affatto
Portavo fuori tutti i miei amici a divertirci
Compravo whiskey, champagne e vino di contrabbando

Poi ho cominciato a cadere così in basso
Ho perso tutti i miei buoni amici, non avevo un posto dove andare
Ho di nuovo messo le mani su un dollaro
Me lo terrò stretto finché non vedrò sorridere l’aquila

nessuno ti conosce
quando sei povero e disperato
In tasca nemmeno una moneta
E per quanto riguarda gli amici, non ne hai nessuno

Quando poi finalmente mi sono rimessa in piedi
ho ritrovato  i miei cari, vecchi amici.
è strano senza dubbio
che nessuno ti conosca quando sei povero e disperato.
intendo quando sei povero e disperato.

quando sei povero e disperato, nemmeno un penny,
E per quanto riguarda gli amici, non ne hai nessuno,e ti senti così giù
nessuno ti vuole attorno alla sua porta

senza alcun dubbio,
nessuno ti aiuta quando sei povero e disperato
Intendo quando sei povero e disperato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.